LUGLIO
 


Chiare e fresche e dolci acque..., ma indoveee
Le risorse idriche mondiali sono dappertutto in uno stato disastroso. L`inquinamento e gli sperperi hanno fatto dell`acqua dolce una risorsa sempre più rara, oro blù, nella qualità necessaria ed indispensabile alla vita. In una nazione come l`Italia é diventato sempre più costoso accedere all`acqua dolce di buona qualità e da anni il costo aumenta anche se la qualità e la distribuzione è inadeguata a coprire il fabbisogno nazionale, le condutture ne perdono oltre il 40%, e i fiumi italiani sono delle fogne. E` inaccettabile che esistano popoli dove la carenza idrica E`un problema di sopravvivenza e popoli che sperperano una ricchezza comune come E`il patrimonio idrico mondiale.
Manifesto dell`Acqua.
Fonte insostituibile di vita, l`acqua deve essere considerata un bene comune, patrimonio dell`umanità e di tutti gli organismi viventi.
L`accesso all`acqua potabile é un diritto umano e sociale che deve essere garantito a tutti gli esseri umani.
La copertura finanziaria dei costi necessari per garantire l`accesso effettivo di tutti gli esseri umani all`acqua, nella quantità e qualità sufficienti alla vita, deve essere a carico della collettività come pure la gestione dei servizi, pompaggio, distribuzione e trattamento.
La gestione della proprietà e dei servizi E` fondamentalmente un affare sociale e non economico. zio papes